TESTIMONIANZE: RINO CAPACCIOLI

Nato a San Giovanni d’Asso (SI), il 6 febbraio 1922.
Sono cresciuto in una famiglia di coloni che tenevano a mezzadria in un podere in Maremma.
Ho combattuto in Francia, facevo parte della C.A.F. (Artiglieria da montagna) eravamo di guardia alla
frontiera, fui fatto prigioniero nel 1943.
I fatti si svolsero così: l’8 settembre noi disarmammo i tedeschi, purtroppo dopo due giorni inspiegabilmente
avemmo l’ordine di restituire le armi ai tedeschi. La conseguenza di un simile ordine, fu che i
tedeschi disarmarono noi e ci internarono in un campo di concentramento. Dopo tanti patimenti e lutti,
(vidi morire tanti miei compagni di sventura) finalmente arrivarono gli alleati, ci liberarono e feci ritorno
in Italia, mi sembrava un sogno, ero vivo e i miei familiari mi fecero una grande festa per il mio ritorno,
mi pensavano morto, non avevano avuto notizie mie notizie da tanto tempo.
Nel dopoguerra mi trasferii a Montemurlo dove ho lavorato come autotrasportatore.