LIBRI: Il liberatore

La trama e le recensioni di "Il liberatore. Un'odissea lunga 500 giorni dalle spiagge della Sicilia ai cancelli di Dachau", romanzo di Alex Kershaw edito da Piemme. Cinquecento giorni. Tanto è durata, una battaglia dopo l’altra, la sanguinosa e drammatica marcia per la vittoria del capitano Felix Sparks e del suo battaglione, dallo sbarco in Sicilia del luglio 1943, attraverso l’Italia, fino a Dachau. Racconta tutto, il giovane Felix: l’infermiere coraggioso che non rinuncia a salvare un ferito e viene abbattuto anche con la croce rossa al braccio, il soldato sotto shock che precipita nella follia, il veterano stremato che comunque stringe i denti e va avanti... L’aria risuona dei colpi di fucile, del tuono delle cannonate, del bombardamento intensivo dell’artiglieria. Fino a raggiungere un luogo chiamato Dachau, per la scoperta dell’orrore ultimo: i carri merci carichi di cadaveri scheletrici che gli aguzzini non hanno fatto in tempo a bruciare nei forni, il fetore di morte che emana dai corpi. Immagini che fanno perdere la testa. A un soffio dalla vittoria, Sparks si troverà alle prese con la prova decisiva per la sua umanità: riuscirà a resistere all’urgenza di vendicarsi di tanta inaudita sofferenza sugli uomini che l’hanno causata?
Nato a York, in Inghilterra, Alex Kershaw oggi vive in America. Laureato a Oxford, ha lavorato per le principali testate inglesi, The Guardian, The Independent, The Sunday Times. È autore di documentari insigniti di vari premi. I suoi libri sono stati tradotti con successo in molte lingue. Il liberatore è l’eccezionale racconto di una storia vera, da un maestro del genere.