Iroso, ultimo dei muli alpini all'adunata come una star

di Fulvio Fioretti
TREVISO - Iroso? Presente! L'ultimo mulo alpino in vita, già in forza al 7. Reggimento Alpini di Belluno, matricola 212, se la salute lo sosterrà ancora potrà essere davvero la star dell'Adunata del Piave. Il reparto Salmerie della sezione di Vittorio Veneto, che lo ha in cura insieme ai più giovani colleghi dell'alpino Antonio De Luca di Cappella Maggiore, con il consenso del presidente Franco Introvigne ha deciso: viste le attuali buone condizioni di salute, la relativa vicinanza della sede dell'adunata per il trasporto, e l'ottima possibilità logistica (nel giardino dell'ex Genio Civile in via De Gasperi, dove potrà essere ammirato), potrà partecipare all'evento. In un primo momento, proprio per le precarie condizioni di salute, il vecchio mulo dall'incredibile età di 38 anni (classe 1979 equivalente a oltre i 120 anni di un uomo), era stato esonerato. L'ultima adunata a cui ha sfilato era stata quella di Torino nel 2011, poi sono subentrate problematiche di tipo fisico. All'adunata del 2012 subì una caduta nella fase preparatoria, e la ripresa è stata lunghissima. Tuttavia la forte fibra che lo sorregge a dispetto a degli anni, e ormai anche della cecità, lo rende ancora leader del manipolo di muli a cui accudiscono con affetto Antonio De Luca e gli sconci, i conducenti del reparto Salmerie...