Fiume, ritrovata fossa comune di italiani uccisi dai partigiani di Tito

Campagna di scavi portata a termine pochi giorni fa: i corpi apparterrebbero a un ex podestà, a un carabiniere e ad altri italiani trucidati il 4 maggio del 1945 e mai più ritrovati
Uno scavo in una zona isolata a una decina di chilometri da Fiume, in Croazia, resti umani che affiorano e una tragedia storica che si riapre, a oltre 70 anni di distanza. Appartengono quasi certamente a cittadini italiani trucidati da partigiani jugoslavi nei giorni immediatamente successivi alla fine della Seconda Guerra Mondiale le ossa venute alla luce a Kastav - Castua in italiano - da una fossa comune individuata al culmine di una ricerca storica cominciata addirittura negli anni ‘90. Le operazioni sono terminate il 10 luglio scorso, secondo quanto reso noto da Onorcaduti, l’organismo che fa capo al ministero della difesa italiano che si occupa proprio della ricerca delle vittime di guerra e della loro memoria. Le ossa riportate alla luce appartengono a una decina di persone : tutte sarebbero state uccise nel corso di una azione portata a segno dai titini il 4 maggio del 1945 contro gli italiani residenti nella zona di Fiume.
Zagabria (finalmente) collabora

La ricerca di quelle vittime innocenti era stata promossa dalla Società di Studi Fiumani e dalle associazioni degli esuli giuliano-dalmati e delle vittime delle foibe. La fossa comune di Castua era stata inizialmente localizzata in base a testimoni sopravvissuti, in particolare quella di una sacerdote croato. Agli scavi, cominciati nel mese di maggio, hanno collaborato anche le autorità del governo di Zagabria e questa viene considerata una novità di rilievo: in passato gli ex jugoslavi avevano opposto molte resistenze alla ricerca della verità sulle uccisioni degli italiani fino all’accordo raggiunto nel 2011 tra l’allora presidente Giorgio Napolitano e il suo omologo croato Ivo Josipovic.

Gigante e gli altri

I resti riportati alla luce sono stati trasferiti all’istituto di medicina legale di Fiume per una più compiuta analisi. Se la ricostruzione storica è esatta, tuttavia, quelle vittime potrebbero avere presto una identità. Potrebbe trattarsi dell’allora podestà di Fiume e senatore Riccardo Gigante (che aderì alla repubblica di Salò ma fu contrario all’italianizzazione forzata dell’Istria), del giornalista Nicola Marzucco, del maresciallo della Guardia di Finanza Vito Butti e del brigadiere dei carabinieri Alberto Diana, oltre ad altri civili. Secondo le testimonianze dell’epoca tutti vennero trucidate in una rappresaglia dei partigiani di Tito tra il 3 e il 4 maggio del 1945 ma il luogo della loro sepoltura non era mai stato individuato fino a oggi. Sarebbero dunque di Gigante e degli altri connazionali nella fossa comune di Kastav. Furono questo e molti altri episodi simili a provocare, nel periodo successivo al termine delle ostilità, il grande esodo degli italiani dall’Istria e dalla Dalmazia.