Notiziario: FEDERAZIONE DI VERONA, SEZIONE DI PASTRENGO: UNA VIA DEDICATA AI CADUTI DEL PAESE NEI VARI CONFLITTI

FEDERAZIONE DI VERONA, SEZIONE DI PASTRENGO: UNA VIA DEDICATA AI CADUTI DEL PAESE NEI VARI CONFLITTI

L’ultimo tratto di via Piovezzano vecchia, fino a forte Degenfeld, cambia nome e diventa via Caduti di Pastrengo.

Lo ha deciso la giunta comunale. La proposta di intitolare una via ai Caduti di Pastrengo è stata avanzata dalle Associazioni del paese: i combattenti e reduci, i carabinieri, l’aeronautica, gli alpini di Pastrengo e di Piovezzano. Pastrengo, già nel 1906 manifestò l’intenzione di ricordare i propri caduti in guerra. L’amministrazione comunale di allora nominò perciò un comitato con lo scopo di commemorare, con n monumento, l’episodio della storica carica dei carabinieri che il 30 aprile 1848, con quel loro atto eroico, protessero Re Carlo Alberto di Savoia e ottennero la vittoria di quella giornata sulle truppe austriache.

Varie complicazioni del tempo, però, impedirono la realizzazione del monumento, non da ultimo lo scoppio del conflitto con l’Impero d’Austria – Ungheria.

Superate le difficoltà economiche successive alla Grande Guerra e dopo vari cambi di amministrazione, nell’attuale Piazza Carlo Alberto, il 25 maggio 1925 venne finalmente inaugurato il monumento ai Caduti.

Ora, l’amministrazione comunale ha fatto propria l’esigenza di tramandare una duplice memoria degli avvenimenti storici locali: quello della Carica, che viene celebrato ogni anno con una Cerimonia il 30 aprile, in piazza Carlo Alberto, e il doloroso elenco dei caduti che la comunità ha dovuto sopportare nel conflitto 1915-1918, propagandato dalla retorica del tempo come la quarta guerra d’Indipendenza.