FEDERAZIONE DI PISTOIA, SEZIONE DI MARESCA: NOMINA PRESIDENTE ONORARIO

Osvaldo Bartolomei nominato Presidente Onorario
Osvaldo Bartolomei, 94 anni di intramontabile energia, è stato nominato presidente onorario a vita dell’Associazione Nazionale Combattenti e Reduci. La consegna della documentazione è avvenuta nei giorni scorsi, a margine delle celebrazioni che l’Associazione rinnova ogni anno con una messa in onore dei caduti per la Patria, con una chiesa gremita, tanti stendardi dei vari reggimenti ma anche quelli delle varie associazioni venuti dalla Provincia a rendere omaggio. La cerimonia si è conclusa con la deposizione di un omaggio floreale al monumento ai “Martiri della guerra” del maestro Germano Pacelli. A consegnare il diploma nelle mani di un emozionato Osvaldo Bartolomei, il presidente provinciale dell’associazione, Giorgio Lavorini, che lo ha definito a più riprese il suo “padre putativo”. Il forte legame che li unisce prende il via da un drammatico episodio: Osvaldo Bartolomei apparteneva al Battaglione Monte Cervino, venuto in soccorso del 54° reggimento della “Sforzesca”, in cui militava il padre di Giorgio Lavorini. L’esito della battaglia è noto: i nostri connazionali, sconfitti e decimati, vennero costretti a una disastrosa ritirata in cui il padre di Giorgio Lavorini trovò, con ogni probabilità, la fine, mentre Bartolomei, nonostante un dispaccio infausto ne annunciasse la morte, è tornato, sia pure molto tempo dopo, a casa.
IL RICORDO TOCCANTE
Il toccante epilogo di questa storia è proprio “nell’adozione” di Giorgio Lavorini, da parte di Osvaldo Bartolomei. Una straordinaria rivincita dell’amore filiale sulla barbarie della guerra. Nel suo discorso di ringraziamento, Bartolomei ha accarezzato la sensibilità degli astanti: “Alcuni possono pensare – ha detto – che l’Associazione Combattenti e Reduci sia ormai superata, addirittura anacronistica, ma non è così, anzi è più viva che mai con l’inserimento di giovani che continuano la tradizione alimentando il fuoco del ricordo”. Poi si è addentrato in un accorato invito a “non interrompere il filo che ci lega al passato, che è indispensabile per costruire qualsiasi futuro si abbia in mente, nella consapevolezza che chi non conosce il passato è condannato inevitabilmente a riscriverlo”.
IL PRANZO

La manifestazione, sapientemente organizzata dal vicepresidente dei Combattenti e Reduci, Marco Filoni, si è conclusa in modo conviviale al ristorante “Il Cacciatore” di San Marcello. L’evento, organizzato in modo congiunto dallo Sci Montagna Pistoiese e dall’Associazione degli ex Combattenti, ha visto la partecipazione di rappresentanti dell’associazionismo e delle istituzioni, tra questi il presidente del sodalizio sciatorio, Alessandro Bernardi, del sindaco di San Marcello, Silvia Cormio, dell’assessore Luca Bonomini e del vicepresidente dei Combattenti e Reduci, Stefano Bernini.

DI