FEDERAZIONE DI CHIETI, SEZIONE DI POLLUTRI: TANTI APPLAUSI PER IL CONCERTO DELLA MEMORIA A POLLUTRI

POLLUTRI. Con la Sezione ANCR “Cav. Uff. Panfilo Fantacuzzi” di Pollutri la magia del Natale si protrae con il “Concerto della memoria” della la Banda musicale città di Scerni. La sera del 13 gennaio un brillante e brioso concerto in grado di muovere le corde più intime di ognuno ha allietato la platea di Pollutri, richiamando anche spettatori dai paesi viciniori. Le note di Fratelli d’Italia e de Il Piave mormorava hanno, ovviamente, introdotto e concluso lo spettacolo. La banda ha aperto l’esibizione con musiche prettamente natalizie e colonne sonore di elevatissimo spessore: il viaggio ha preso il volo con Va Pensiero e La Cavalleria Rusticana rispettivamente di G. Verdi e P.Mascagni, ancora con Piovani, Morricone e J. Lennon.

Il pubblico ha espresso pienamente il grande consenso con fragorosi applausi: esso ha apprezzato certamente le diverse età dei componenti della banda. Gli ascoltatori ammaliati hanno seguito e sono stati trascinati dalla speaker straordinaria Prof. Ssa Ester Ia Padre che con le sue capacità oratorie ha contribuito non poco al successo della serata. I ringraziamenti vanno al direttore d’orchestra Rodosi D’Annunzio, che con le svariate tessiture melodiche ha captato l’attenzione di tutti, al presidente della banda Angelo Giuliani, nonché componente della banda, per l’organizzazione pratica dell’evento e ai significativi interventi da parte del Presidente di Sezione di Pollutri Dr. Graziani Carmine, del sindaco di Pollutri Dr. Antonio Di Pietro e della Presidente Regionale della Federazione di Chieti ANCR Rita Fantacuzzi, tutti tesi a richiamare alla memoria i nobili valori nei quali crede e si riconosce la sezione ANCR e a conclusione del Centenario della Grande Guerra. “Si vis pacem, para bellum”, “Se vuoi la pace, prepara la guerra”, recitava Cicerone, noi la vogliamo parafrasare in “Se vuoi la pace, costruisci la pace”. Viva Pollutri! Viva l’Italia! come il Cav. Uff. Fantacuzzi Panfilo soleva concludere i suoi sentiti e accorati interventi!

Grazia Di Martino