69° Anniversario costituzione Aviazione dell’Esercito

oggi ricorre il 69° Anniversario della nostra amata Specialità, un Anniversario che non possiamo festeggiare stando insieme a causa della nota pandemia che sta dolorosamente e profondamente colpendo il nostro Paese.
È comunque giusto così, perché non è certo il momento di festeggiare quando una parte dei nostri concittadini sta soffrendo per le persone care prematuramente perse a causa dell’invisibile nemico che ancora attanaglia la nostra terra, mentre un’altra parte sta ancora lottando per riuscire a sconfiggerlo.
Oggi quindi è il momento di stare tutti uniti, anche se a distanza, con il cuore, la passione, la professionalità e il credo nella scelta fatta per vincere questa comune battaglia di popolo e oggi possiamo ricordare questo Anniversario spendendo solo qualche minuto in ricordo di quanto abbiamo fatto fino al raggiungimento di questa ennesima ricorrenza, di quanto stiamo ancora facendo per, tutti insieme, indistintamente, risollevarsi nel più breve tempo e nella massima sicurezza possibile, di quanto, già da oggi, ancora faremo con tutta la nostra forza d’animo, spirito di sacrificio, dedizione alle Istituzioni e credo nella nostra amata Patria al fine di supportare, aiutare, agevolare al massimo delle nostre energie fisiche e mentali il nostro popolo a risollevarsi da questa crudele realtà che affligge tutti noi.
In questa ricorrenza non posso che essere fiero di quanto il personale dell’Aviazione dell’Esercito ha dimostrato ancora di essere e di saper fare sin dai primi momenti dello scoppio della crisi; uomini e donne che si sono prontamente messi a completa disposizione dei propri Comandanti, uomini e donne che nell’iniziale confusione hanno reagito prontamente garantendo con immediatezza la disponibilità di tutti i nostri assetti, iniziando fin da subito a trasportare su tutto il territorio nazionale quel personale e quei materiali di cui le varie regioni sul territorio necessitavano per affrontare una così tremenda inaspettata emergenza.
Ancora oggi i nostri assetti continuano a volare su tutto il territorio nazionale e lo fanno senza sosta, senza prestare troppa attenzione alle ore di riposo, senza porsi troppi problemi di quel nemico invisibile che, essendo ancora ovunque presente, potrebbe colpire anche loro stessi proprio durante lo svolgimento del servizio.
Lo abbiamo fatto anche durante la Santa Pasqua e lo continueremo a fare fino a quando ci sarà richiesto perché le nostre donne e i nostri uomini sanno che prima di loro vengono i cittadini perchè sanno di aver prestato il giuramento di servire la Patria, sanno che stare in prima linea è il loro mestiere, un mestiere che, anche laddove non è previsto l’uso delle armi, richiede comunque coraggio, spirito di servizio e di dedizione verso quel popolo che hanno deciso di difendere anche a costo della propria vita.
Oggi quindi, più che mai, dico ancora grazie ai Piloti e a tutto il personale tecnico e di supporto al suolo che senza soluzione di continuità garantiscono l’immediato Pronto Intervento da tutte le basi della Specialità schierate sul territorio nazionale, grazie a tutto il personale che lavorando presso i nostri reparti di sostegno garantiscono la continuità della produzione delle ore di volo, grazie al personale delle nostre Sale Operative, a quello impegnato nel supporto logistico generale, nell’Operazione “Strade Sicure” e presso i diversi Teatri Operativi e grazie alla nostra Polizia Militare.
È proprio in questa specifica occasione che a voi tutti chiedo di non mollare per mantenere alto l’onore della Specialità fino a quando anche questa ennesima sfida non sarà terminata perché allora, e solo allora, potremo pensare a un meritato riposo festeggiando.
Ci rivedremo quindi tutti insieme al prossimo Anniversario per festeggiare, tra l’altro, anche la fine di questo critico momento, ora non abbiamo tempo… dobbiamo pensare ad altro… dobbiamo, nel ricordo dei nostri amati caduti e di quanto tracciato dai nostri precursori… pensare a vincere!
Buon 69° Anniversario a tutti voi e alle vostre famiglie.

Il Comandante dell’Aviazione dell’Esercito 
Gen. B. Paolo RICCÒ